Com.It.Es
 www.comites-norimberga.de

I Comites (Comitato degli Italiani all'Estero) sono gli organi eletti, ai sensi della legge italiana 286/2003 promulgata dal Presi- dente della Repubblica Italiana. Essi rappresentano i cittadini italiani residenti all'estero nei rapporti con gli Uffici diplomatici e consolari, con i quali collaborano, per individuare le necessità di natura sociale, culturale e civile della collettività italiana.

Informazioni sui Com.It.Es.

Cos’è il Com.It.Es.?

I Comitati degli Italiani all’Estero, Comites, sono stati fondati nel 1985. Sono organi autonomi che collaborano in stretto contatto con i Consolati italiani.

Cosa fa il Comites?

I Comitati degli Italiani all’Estero prendono iniziative nelle aree cultura, scuola, formazione professionale, assistenza agli anziani, sociale, tempo libero e sport con lo scopo di promuovere le comunità italiane all’estero.

Quali sono le attività concrete del Comites?

Si tratta di salvaguardare gli interessi e i diritti dei cittadini italiani, in collaborazione con il Consolato competente, ed eventualmente di difendere i cittadini italiani in caso di mancata osservanza delle convenzioni internazionali o nazionali. Un esempio concreto: i comitati tutelano la situazione abitativa di cittadini italiani, controllano il rispetto dei contratti di lavoro e lavorano affinché i bambini siano bene integrati nel sistema scolastico del paese ospitante.

Come sono strutturati i Comites?

I Consiglieri sono eletti tramite un procedimento democratico. Il loro numero varia secondo la grandezza della comunità italiana. Comunità fino a 100.000 cittadini italiani, come nel caso del Comites di Norimberga, hanno 12 rappresentanti. Se i cittadini sono più di 100.000, i Consiglieri eletti sono 18. Nel corso della prima riunione il comitato elegge un Presidente tra i suoi consiglieri, il voto è a maggioranza assoluta. I Presidenti a loro volta sono presenti anche nell'Intercomites, il comitato dei presidenti di tutti i Com.It.Es. della Germania.

Come si finanzia il Comites?

I comitati sono finanziati prevalentemente con fondi stanziati dal Ministero degli Esteri. I bilanci sono pubblici.

Footer
design by NMuD | MW | E | L
powered by CMSimple